Continue reading "/>
  • 338-9387982
  • pediatra@massimosanasi.it

Influenza, come ridurre i rischi di contagio

Influenza, come ridurre i rischi di contagio

L’epidemia raggiunge il suo picco nel periodo più freddo dell’inverno, come salvarsi?
Si possono limitare i danni con queste piccole ma efficaci dritte.
Nella stragrande maggioranza dei casi, le persone colpite dal virus dell’influenza guariscono in circa una settimana, spesso senza ricorrere a farmaci particolari (se non i comuni antipiretici e antinfiammatori) e senza serie complicazioni.
Tuttavia il virus può essere pericoloso per chi già è in precarie condizioni di salute (per esempio chi soffre di asma e malattie polmonari, ha problemi cardiaci, è diabetico o affetto da obesità patologica) o per alcune categorie di popolazione come giovani, bambini e donne incinte. E’ quindi utile sapere quali sono le giuste mosse per ridurre le possibilità di contagio: ecco le principali regole di prevenzione consigliate dagli infettivologi di tutto il mondo e suggerite anche dal sito web del nostro Ministero della Salute).

Regole d’oro

Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone, in particolare dopo aver frequentato luoghi e mezzi di trasporto pubblici.
Se acqua e sapone non sono disponibili, si possono usare in alternativa fazzolettini e soluzioni detergenti a base di alcol.
Evitare di toccare occhi, naso e bocca con le mani non pulite: i germi e non soltanto quelli dell’influenza, si diffondono soprattutto in questo modo.
Ricordare di areare regolarmente i locali in cui si passa il tempo.
Per quanto possibile, cercare di evitare contatti con persone che presentano sintomi di influenza.
Per evitare di contagiare gli altri, coprirsi con un fazzoletto (possibilmente di carta, da gettare in pattumiera subito dopo l’uso) naso e bocca quando si starnutisce.
E se uno è ammalato, fondamentale è rimanere a casa: non solo per limitare possibili contatti infettanti con altre persone, ma anche per ridurre il rischio di complicazioni e infezioni concomitanti (superinfezioni) da parte di altri batteri o virus con cui si potrebbe venire in contatto.
Assumere farmaci solo dopo aver consultato il proprio medico curante, tenendo conto che sia i farmaci da banco che quelli a prescrizione medica possono alleviare sintomi come tosse e congestione nasale, ma non hanno nessun effetto sulla contagiosità della persona (in altre parole, non riducono l’infettività).

Se il virus arriva?
Acqua, frutta e verdura per recuperare meglio

La dieta gioca un ruolo basilare nell’aiutare a recuperare il prima possibile da un’influenza. Ecco allora cosa fare per assicurare le migliori munizioni (leggi sostanze nutritive) all’organismo sotto attacco..
Bere la giusta quantità giornaliera di liquidi è fondamentale considerando anche e soprattutto che questa forma influenzale ha tutta una serie di sintomi (nausea, vomito, diarrea) che possono facilmente portare alla disidratazione. L’influenza vi ha steso? E’ il momento giusto per passare a una dieta a base di frutta, verdura e cereali integrali.
Questi alimenti sono infatti pieni zeppi di benefiche sostanze fitochimiche e di altri composti vegetali che aiutano il sistema di difesa (immunitario) a combattere il virus. Tra i sintomi caratteristici c’è anche il mal di gola.  Nel caso, per primo è meglio evitare formaggi e prodotti caseari: possono smuovere il muco e rendere ancora più difficile l’atto di inghiottire. E attento anche ai succhi di arancia che possono irritare ulteriormente la gola. Per alleviare i sintomi, invece, un bel brodo o un tè caldo.

[tratto da uno Speciale del Corriere dell’Umbria] 

 

[ Leggi anche http://www.massimosanasi.it/?p=1175 ]

Mary

Scroll Up

Continuando ad utilizzare il sito , l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione . Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto " di seguito , allora si acconsente a questo.

Chiudi